Voucher per l’internazionalizzazione

//Voucher per la digitalizzazione

Un contributo a fondo perduto per la digitalizzazione delle imprese

Il CIPE – Comitato interministeriale per la programmazione economica, con delibera del 10 luglio 2017, ha decretato l’assegnazione di risorse economiche per il Fondo per lo sviluppo e la coesione. Lo stanziamento di 100 milioni di euro, con ripartizione differenziata su base regionale, consente l’istituzione di un’agevolazione a tutto vantaggio delle Micro e PMI italiane che intendano digitalizzarsi, informatizzarsi o che vogliano migliorare l’efficienza aziendale.

Il Voucher per la digitalizzazione

La misura agevolativa prevede un contributo non superiore ai 10.000 euro nella misura del 50% sul totale delle spese ammissibili. Le spese ammissibili potranno essere sostenute solo successivamente all’assegnazione del Voucher e comprendono migliorie come evidenziato dalla tabella sottostante.

 

Ambiti di attività

Spese ammissibili

  • Miglioramento dell’efficienza aziendale
  • Modernizzazione dell’organizzazione del lavoro
  • Sviluppo di soluzioni di e-commerce
Hardware, software e servizi di consulenza
  • Connettività a banda larga e ultralarga
Spese di attivazione del servizio per la connettività (costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche anche in riferimento all’installazione degli stessi)
  • Collegamento alla rete internet tramite tecnologia satellitare
Spese relative all’acquisto e attivazione di decoder e parabole per connessione satellitare
  • Formazione qualificata nel campo ICT del personale
Spese per formazione qualificata a favore di titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti dell’impresa beneficiaria

 

Le spese ammissibili dovranno essere sostenute solo successivamente all’assegnazione del voucher e alla pubblicazione sul sito del Ministero (www.mise.gov.it) del provvedimento cumulativo di prenotazione.

  • Termini

L’invio delle domande di accesso all’agevolazione può essere effettuato solo a mezzo informatico attraverso il sito web del Ministero a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018. Sarà però possibile predisporre la compilazione della domanda a partire dalle ore 10.00 del 15 gennaio 2018. La procedura di inoltro prevede l’identificazione e l’autenticazione tramite Carta nazionale dei servizi (CNS) o firma digitale.

I progetti di digitalizzazione, di ammodernamento o di consulenza/formazione previsti dalle aziende dovranno essere ultimati e portati a compimento entro sei mesi dalla pubblicazione sul sito istituzionale del ministero del provvedimento cumulativo di prenotazione del voucher.

  • Soggetti beneficiari e requisiti

I soggetti beneficiari previsti sono le MPMI (micro, piccole e medie imprese) italiane che hanno sede legale in Italia o unità locale attiva sul territorio nazionale, costituite in qualsiasi forma giuridica e regime contabile. Gli studi professionali ed i professionisti con P. Iva possono beneficiare del contributo solo se svolgono l’attività in forma di impresa e conseguentemente risultano, alla data di presentazione della domanda, iscritti al Registro delle imprese.

Non possono presentare domanda di agevolazioni le imprese che risultino attive nei settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento de minimis.

Sono escluse, in particolare, le imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura o nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, fermo restando che se tali imprese svolgono anche altre attività che rientrano nel campo di applicazione del Regolamento de minimis, per tali attività le imprese possono beneficiare delle agevolazioni a condizione che le stesse dispongano di un adeguato sistema di separazione delle attività o distinzione dei costi, in ottemperanza a quanto previsto all’articolo 1, paragrafo 2, dello stesso Regolamento de minimis.

Lo Studio RBM è a disposizione delle imprese al fine di valutare il possesso dei requisiti per la partecipazione al bando “Voucher per la digitalizzazione”. Lo Studio ha, altresì, sviluppato un programma di servizi di consulenza per la digitalizzazione – ah hoc – sostenibile attraverso il contributo di cui sopra.

Per ulteriori informazioni si prega di inviare un’email a info@rbmlex.it.

Dott. Ivano Vangone

Iscriviti alla nostra newsletter!

News su diritto e commercio internazionale e finanza agevolata per l'export

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

Studio RBM will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

2017-12-01T15:58:48+00:00

Leave A Comment