Matching Agroalimentare negli Emirati Arabi Uniti

/Matching Agroalimentare negli Emirati Arabi Uniti
Matching Agroalimentare negli Emirati Arabi Uniti2019-01-26T09:12:34+00:00

Nell’area del Golfo, gli Emirati Arabi Uniti si confermano il primo mercato di destinazione nella regione (5,3 miliardi di euro nel 2017) per il Made in Italy. Le esportazioni italiane verso la federazione hanno visto un sogno positivo già nella prima parte del 2018 (previsto +2,7%), con una dinamica in rafforzamento nei prossimi anni (+3,2% in media annua nel periodo 2019-2021) sulla scia della domanda legata alle opere di iniziativa pubblica, come Expo 2020 (Dati: SACE).

Nel 2017, l’export italiano di alimentari e bevande verso gli EAU è stato di circa € 156,0 mln e le previsioni definitive per il 2018 segnano una crescita del + 1,2% per complessivi € 157,8 mln (Dati: SACE). Altri settori di opportunità sono costituiti da: oil&gas, infrastrutture, costruzioni, petrolchimico, meccanica strumentale e energie rinnovabili.

Le attività, destinate alle PMI italiane del settore agroalimentare, vengono condotte dallo Studio RBM con un proprio partner operativo a Dubai.

Opportunità del mercato:

  • Gli Emirati Arabi Uniti importano circa il 90% dei prodotti alimentari e degli alimenti finiti;
  • Aumento della popolazione residente;
  • Forte domanda di prodotti importati da parte degli stranieri che vivono nel Paese;
  • Espansione del settore turistico;
  • Nuovi hotel;
  • Expo Dubai 2020. All’evento sono attesi 25 milioni di visitatori e o oltre 17 milioni di turisti.

I consumatori degli EAU sono:

  • principalmente guidati dal prezzo;
  • sensibili alla qualità e all’esclusività del prodotto;
  • attenti alla presenza di un servizio post-vendita locale;
  • attenti a continui aggiornamenti dei packaging e/o dei prodotti in sé;
  • sensibili al rispetto dei loro costumi;
  • un popolo giovane e il loro tenore di vita è molto alto;
  • esigenti e cercano sempre i prodotti più moderni e innovativi;
  • attratti dal Made in Italy.

Vantaggio competitivo per le aziende italiane

I prodotti italiani sono ricercati ed è molto apprezzato l’alto livello qualitativo.

Sistema di vendita

Importatori, Distributori -> Negozi specializzati al dettaglio, supermercati e ipermercati.

Dazi

Il dazio più alto è del 5%, regime esentasse.

Maggiori tipologie di prodotti richiesti:

  • Alimenti confezionati: Pasta, Piatti pronti, Prodotti da forno, Olio
  • Alimenti dietetici
  • Alimenti freschi: Verdura, Frutta, Formaggi e latticini in particolare mozzarellee formaggi freschi, Grana Padano e Parmigiano Reggiano

SCHEDA DEI SERVIZI PROPOSTI E COSTI:

  • Realizzazione company profile e listino prezzi in lingua inglese-araba;
  • Pianificazione strategica di attività di matching volte a trovare uno o più distributori/ rivenditori attraverso cui sviluppare il business localmente;
  • Realizzazione di attività di matching con incontri diretti con distributori/importatori;
  • Consulenza legale / contrattualistica internazionale;
  • Follow-up nei mesi successivi agli incontri;

Costo della consulenza: € 7.000,00 (oltre spese di viaggio e soggiorno ed oneri di legge) inclusa la permanenza per n. 12 mesi del nuovo portale in lingua inglese e araba indicizzato in google.ae.

La consulenza si svilupperà nell’arco di un minimo di 3 e un massimo di 6 mesi.

Avv. Stefano Rossi | stefano.rossi@rbmlex.it

CONTATTACI